Azioni e bond miglior investimento degli ultimi 20 anni; flop delle case

cs-investing-and-emotions-chart-2

Sono dati sorprendenti, per i non addetti ai lavori, quelli che emergono da uno studio di BlackRock, la più grande società di investimenti al mondo.

Innanzitutto negli ultimi 20 anni, cioè nel periodo 1996-2015,  l’investimento in titoli azionari (in inglese “Stocks”) è stato di gran lunga il più premiante, con un +8,19% di rendimento, lasciando ai titoli obbligazionari (Bonds) e all’oro (Gold) il secondo e il terzo gradino del podio, entrambi con rendimenti di poco superiori al 5%.

Flop per le case (Homes) e per il petrolio (Oil), appena sopra il 3%: ad entrambi gli asset sono stati fatali gli anni della Grande Crisi. I dati naturalmente si riferiscono al mercato americano, ma in un mondo globalizzato i numeri italiani non sono poi così diversi (per esempio, che l’investimento nel mattone non sia più remunerativo come in passato, non c’è bisogno di andare negli USA per scoprirlo).

Ma il dato più sorprendente è l’ultimo a destra (nel grafico): l’investitore medio, negli ultimi 20 anni, ha guadagnato un misero 2,11%, superato addirittura dal dato sull’inflazione, attestato al 2.18%.

Come è possibile? Come si spiega un rendimento così modesto, se il mercato azionario ha fatto +8,19% e quello obbligazionario +5,34%?

La risposta è nel comportamento irrazionale degli investitori, che anzichè acquistare azioni e/o obbligazioni e chiuderle nel cassetto per 20 anni, senza curarsi degli alti e bassi dei mercati (finanziari, immobiliari, ecc.), hanno preferito vendere e/o comprare con un timing sbagliato, spinti da fattori psicologici come la paura o semplicemente mal consigliati. Sono frasi trite e ritrite, ma se i risultati sono quelli sopra esposti, è bene ripassare la lezione.

Per visualizzare il grafico originale di BlackRock, clicca qui: investing-and-emotions-one-pager-va-us

 

 

 

 

Annunci

Un pensiero su “Azioni e bond miglior investimento degli ultimi 20 anni; flop delle case

  1. Interessante. Chissà poi se nei prossimi anni la situazione resterà simile a questa o meno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...