Surrogare un mutuo seconda casa? Si può. Ok anche per studi e uffici

pier-luigi-bersani

Nella foto, Pier Luigi Bersani, che nel 2007 introdusse le surroghe sui mutui in Italia

Chi l’ha detto che la surroga del mutuo, cioè il trasferimento del debito da una banca all’altra senza spese a carico del mutuatario, si può fare solo sull’abitazione principale?

La legge 40/2007 (cosiddetta Legge Bersani), che ha introdotto la portabilità dei mutui rispolverando l’istituto della surroga, non fa riferimento alla destinazione dell’abitazione per la quale è stato acceso il prestito. La surroga e i benefici che ne derivano (costo zero per il mutuatario) si estendono dunque anche ai finanziamenti contratti per l’acquisto o la ristrutturazione di immobili adibiti ad abitazione (o allo svolgimento di attività economiche e professionali). Essenziale però che i richiedenti siano persone fisiche e che il contratto di mutuo sia stato sottoscritto dal 2 febbraio 2007 in avanti.

L’unica differenza tra la surrogazione di un mutuo prima casa e non, sta nell’imposta sostitutiva: nel primo caso sarà agevolata e pari allo 0.25% (calcolato sul debito residuo al momento del trasferimento); in tutti gli altri casi è il 2%. Ma poco importa al cliente, visto che questa spesa viene assorbita dalla nuova banca. La Legge stabilisce infatti che con la surroga del mutuo deve essere garantita al cliente “l’esclusione di penali o altri oneri di qualsiasi natura”.

Infine, ecco le risposte ad alcune delle domande più frequenti in tema di surroga:

  • Il nuovo contratto di mutuo può essere fatto sia a tasso fisso che variabile? Sì, indipendentemente dalla scelta fatta nel vecchio contratto.
  • Posso accorciare o allungare la durata? Sì.
  • Posso variare l’importo? No, deve essere rigorosamente pari al capitale residuo del mutuo sostituito (*).
  • Posso togliere i garanti? Sì, a patto che la nuova banca lo accetti.
  • Chi paga il notaio? L’istituto di credito che subentra.

Se l’articolo ti è piaciuto, clicca mi piace.

Se desideri ulteriori informazioni in merito a mutui e/o surroghe, invia una mail dalla pagina Contatti.

* Se invece l’obiettivo è prendere a mutuo una somma più alta (così da ottenere un po’ di liquidità aggiuntiva), il vecchio mutuo non può essere surrogato ma deve essere sostituito: in questo caso gli oneri legati all’accensione del nuovo mutuo sono a carico del cliente.    

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...