Faenza e i mutui in convenzione con il Comune: sono davvero convenienti?

Premessa banale, ma doverosa: il tasso di interesse di un mutuo a tasso variabile è dato dalla somma di due fattori, cioè Euribor più Spread. Oppure Irs più Spread, nel caso si tratti di un mutuo a tasso fisso.

PIAZZA-FAENZA

Come tutti gli anni, anche per il 2013 e il 2014 i Comuni di Faenza, Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Riolo Terme e Solarolo hanno attivato una linea di finanziamento per la concessione di mutui convenzionati per la prima casa ed eventualmente relativa ristrutturazione, oppure ristrutturazione non collegata all’acquisto.

Come sempre avviene la Banca convenzionata è il Credito Cooperativo Ravennate e Imolese per i Comuni di Faenza e Brisighella e la Banca di Credito Cooperativo della Romagna Occidentale per Castel Bolognese, Casola Valsenio, Riolo Terme e Solarolo.

Questi gli spread applicati sui mutui ipotecari a tasso variabile:

  • 2% fino a 10 anni;
  • 2,25% fino a 15 anni;
  • 2,75% fino a 20 anni;
  • 3% fino a 25 anni;
  • 3,25% fino a 30 anni.

Condizioni imbattibili? No.

Prendo come esempio tre banche che conosco bene, in quanto l’azienda per cui lavoro ne commercializza i prodotti, vale a dire Che Banca, BNL e Unicredit.

CHE BANCA. Per i mutui finalizzati all’acquisto della casa applica uno spread del 2.85%, indipendentemente dalla durata (da 10 a 30 anni). Ciò significa che il tasso di interesse di Che Banca batte quello agevolato del Credito Cooperativo sia sui 25 anni che sui 30 anni.

BANCA NAZIONALE DEL LAVORO. Anche la BNL riesce a superare il Credito Cooperativo sul suo terreno, cioè sul mutuo in convenzione col Comune. Su una durata di 25 anni la banca del gruppo BNP Paribas può infatti offrire ai migliori clienti uno spread del 2.75% (inferiore al 3% delle BCC), a cui peraltro va sommato un Euribor leggermente più basso rispetto alla concorrenza. Dovete infatti sapere che BNL è tra le poche banche in Italia che utilizza Euribor 1 mese anziché 3 mesi, a maggiore vantaggio del cliente.

Sulle durate di 20 anni invece è pari e patta, tra BNL e BCC, mentre sulle durate di 15 e 10 anni la spunta l’istituto di credito faentino.

UNICREDIT. Potenzialmente Unicredit mette tutti in fila, in quanto la nuova linea di credito denominata “Mutuo Valore Italia” parte da spread del 2,50% per mutui a tasso variabile. La banca si riserva però di valutare il “rating” del cliente, in base al quale lo spread può salire fino ad un massimo del 3,50%. Interessante il fatto che il Mutuo Valore Italia sia disponibile anche per durate trentennali.

Il confronto a tasso fisso tra le BCC e le tre banche citate ve lo risparmio, perché le differenze (sfavorevoli alle banche di credito cooperativo) sono decisamente più marcate: vi dico solo che un mutuo a tasso fisso di 25 o di 30 anni, convenzionato col Comune di Faenza, vi costerebbe oggi oltre il 6%.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...